info@ecobioservice.it   +39 080 5746718

iten

La rivoluzione delle batterie ricaricabili: celle al litio zolfo

Safran acquisisce una partecipazione in OXIS Energy, leader nella tecnologia delle celle al litio zolfo per sistemi di batterie ad alta densità di energia. 

La tecnologia brevettata LITHIUM SULFUR [LI-S] ha in sè un'innovativa chimica della batteria al litio di litio [Li-S] che rivoluzionerà il mercato delle batterie ricaricabili. Con una densità di energia teorica 5 volte maggiore rispetto agli ioni di litio, la tecnologia Li-S brevettata da OXIS è più leggera, sicura e senza manutenzione e pronta a soddisfare le esigenze di domani.
 
I vantaggi della tecnologia a batteria e batteria
 
I componenti chiave
  - Un anodo di metallo al litio
  - Un catodo a base di zolfo
  - Un elettrolita sicuro che protegge il metallo dal litio
  - Un separatore all'avanguardia
 
 
 I punti di forza
 
  • Leggere
  • Sicure
  • Scarica completa
  • Cicli di vita
  • Costi efficaci
  • Tolleranza alla pressione
  • Senza manutenzione 
I sistemi di batterie che utilizzano il litio- metallo sono noti per offrire la più alta energia specifica.
Lo zolfo rappresenta un partner catodico naturale per le Litio-metallo e, in contrasto con le tradizionali celle agli ioni di litio, i processi chimici includono la dissoluzione dalla superficie dell'anodo durante la scarica e la placcatura al litio inversa all'anodo durante la carica. Di conseguenza, Li-S consente un'energia specifica teorica superiore a 2.700 Wh / kg, che è quasi 5 volte superiore a quella di Li-ion. La piattaforma di tecnologia al litio di nuova generazione di OXIS offre la più alta densità di energia nella chimica del litio:
 
400 Wh / kg già raggiunti a livello delle celle
 
Sicurezza
La chimica brevettata da OXIS fornisce sicurezza che consente di soddisfare determinati criteri internazionali in termini di stress test.
 
Grazie ai suoi due meccanismi chiave, uno strato passivante ceramico al solfuro di litio e un elettrolita non infiammabile, le nostre cellule possono resistere a situazioni di abuso estreme come penetrazioni di proiettili e chiodi senza alcuna reazione avversa.
 
Penetrazione d parte dei chiodi
Quando è stata perforata da un chiodo di ferro, la cella OXIS Li-S ha continuato a funzionare (tensione al 98%) con una variazione temporanea della temperatura di soli + 1,4 ° C.
 
Penetrazione di proiettili
Un proiettile da 5,56 mm è stato sparato a una distanza di 10 metri su una cella completamente carica. La cella ha continuato a funzionare a una capacità ridotta e non sono stati osservati incendi o variazioni di temperatura apprezzabili.
 
Cicli di vita
Gli scienziati di OXIS Li-S stanno migliorando costantemente la nostra cella Ultra Light. Entro i prossimi due anni puntiamo a raddoppiare l'attuale ciclo di vita per raggiungere più di 500 cicli.
 
Efficacia dei costi
Le proiezioni dei costi di produzione di Li-S sono significativamente inferiori rispetto agli ioni di litio a causa del minor costo delle materie prime (es. Zolfo) e dell'alta densità di energia (meno materiale richiesto per la stessa energia). Questo vantaggio di costo dovrebbe essere un fattore chiave per l'adozione diffusa della tecnologia Li-S.
 
Tolleranza di pressione
Nel progetto Marine Autonomous Systems (MAS) con il National Oceanography Center (NOC), le celle OXIS Li-S sono state testate fino a 660 bar (6600 m di profondità dell'acqua equivalente). Le prestazioni delle celle sono rimaste invariate.
 
Scarica completa
Le celle OXIS hanno una profondità di scarica disponibile al 100%. Ciò si confronta con le batterie agli ioni di litio che vengono utilizzate solo per l'80% (o meno) del loro intervallo di scarica disponibile. Le cellule OXIS utilizzano tutta la loro energia immagazzinata - la piena scarica.
 
Senza manutenzione
Le celle OXIS hanno una durata di conservazione indefinita, senza necessità di ricarica se lasciate per un lungo periodo. Le batterie agli ioni di litio richiedono una ricarica ogni 3-6 mesi per evitare guasti e spesso causano problemi di garanzia significativi.
 
Ecologiche
Si ritiene che la chimica di OXIS Li-S abbia un impatto ambientale minore rispetto ad altre tecnologie come gli ioni di litio. La cella Li-S utilizza zolfo al posto di metalli pesanti come il cobalto, che hanno un impatto ambientale significativo, mentre lo zolfo utilizzato nella produzione OXIS è un materiale riciclato, un sottoprodotto dell'industria petrolifera.
 
 FONTE: Redazione EcoBioService, Oxis Energy, mondoelettrico.blogspot.com

Vedi anche: Puglia: prima “Smart Region” di Italia

                 Mobilità elettrica: Norvegia al giro di boa!

                 Batterie al sale: soluzione innovativa per lo stoccaggio dell'energia

                  

Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica: pubblicata la proposta di regole applicative

Si è svolta, presso la Sala degli Arazzi del Ministero dello Sviluppo Economico, la presentazione del Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica. L’incontro è stato anche l’occasione per un primo confronto con gli stakeholder sulla base della proposta di regole operative presentate da Corrado Diotallevi, responsabile della Business Unit grandi investimenti e sviluppo di impresa di Invitalia Spa.

Il Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica, previsto dal Decreto legislativo n. 102 del 4 luglio 2014 per l'attuazione della direttiva UE sull'efficienza energetica, è finalizzato a mobilitare maggiori risorse private per la realizzazione di interventi di efficienza energetica realizzati da imprese, ESCO e Pubblica Amministrazione su edifici, impianti e processi produttivi e integra gli strumenti di incentivazione dedicati al raggiungimento degli obiettivi nazionali di efficienza energetica.

Il Fondo, di natura rotativa, si articola in una sezione per la concessione di garanzie su operazioni di finanziamento pari al 30% delle risorse disponibili (di cui il 30% riservato agli interventi riguardanti reti o impianti di Teleriscaldamento e Raffrescamento) e in una sezione per l’erogazione di finanziamenti a tasso agevolato pari al 70% delle risorse disponibili (di cui il 20% riservato agli interventi a favore delle Pubbliche Amministrazioni).

La dotazione stimata del Fondo, al 31 dicembre 2020, è di 310 milioni di euro (185 milioni di euro già impegnati) e potrà essere incrementata con versamenti volontari da parte di altre Amministrazioni centrali e regionali, Enti ed Organismi pubblici ed organizzazione no-profit.

Si tratta di uno strumento atteso da più di 4 anni - ha dichiarato il Sottosegretario allo Sviluppo Economico con delega all’energia Davide Crippa – fondamentale per rimuovere le barriere finanziarie che limitano la realizzazione di interventi di efficienza energetica da parte delle imprese e della Pubblica Amministrazione. Oltre ad un’azione di garanzia nei confronti degli investitori, grazie al Fondo si prevede una mobilitazione di investimenti nel settore dell’efficienza energetica di oltre 1,7 miliardi di euro con le risorse già disponibili ed un effetto leva previsto pari a 5,5 con relativa creazione di posti di lavoro nel settore e opportunità per l’indotto.

Per quel che riguarda l’operatività del Fondo – ha aggiunto Crippa – abbiamo avviato anche in questo caso un confronto con gli stakeholder che continuerà online, sulla base della proposta di regole operative messe a punto insieme ad Invitalia.

 

F ONTE: Redazione EcoBioService, CasaeClima.com

Vedi anche: Detrazioni edilizie 2019

                  "Salva Alcoa", ma chi salva i consumatori?

                  Slitta ancora la fine del mercato tutelato

 

Energia 2019: i trend secondo FT

Mentre si fanno ancora i bilanci sul 2018, Financial Times pensa al futuro e traccia il nuovo anno sotto il profilo economico finanziario.

Dal punto di vista energetico, il suddetto quotidiano britannico, ha stilato una rapida lista sulle tendenze per questo 2019:

Carbone - la domanda resterà stabile: se da un lato ci sarà un calo del consumo da parte dell'Europa occidentale e degli Stati Uniti, dall'altro ci saranno i dati in crescita dell'India e paesi asiatici.

Gas - grande crescita del gas statunitense: l'export sarà più che raddoppiato entro il prossimo dicembre. Il più grande importatore del gas al mondo diventerà la Cina.

Rinnovabili - continueranno a diminuire i costi dell'elettricità rinnovabile e dello stoccaggio energetico.

Auto elettriche - continueranno ad aumentare le vendite delle macchine elettriche, anche a fronte dei nuovi modelli in uscita sul mercato.

Petrolio - anche se i veicoli elettrici aumenteranno, comportando diminuzione del consumo di carburante a base di petrolio, non si avrà un importante impatto sul consumo di petrolio, perchè il carburante ne rappresenta solo un quinto del consumo globale.

 

FONTE: Redazione EcoBioService, Rinnovabili.it

Vedi anche: Detrazioni edilizie 2019

                  "Salva Alcoa", ma chi salva i consumatori?

                  Slitta ancora la fine del mercato tutelato

                  

                  

                 

                 

Detrazioni edilizie 2019

Gli ultimi aggiornamenti: dal 1° gennaio è in vigore la Legge n. 145 del 30 dicembre 2018.

 Lunedì 31 dicembre 2018, è stata pubblicata su Gazzetta Ufficiale la Legge del 30 dicembre 2018, n. 145 recante "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021".

Per quanto riguarda le detrazioni edilizie, restano i bonus anche per il 2019. Nel dettaglio:

Bonus per le ristrutturazioni - anche per quest'anno si potrà godere della detrazione fiscale per gli interventi di ristrutturazione edilizia (fino al tetto di 96.000 € di spese per unità immobiliare), nella misura del 50%, da suddividere in n. 10 quote annuali di pari importo.

Ecobonus - prorogata fino a dicembre 2019 la detrazione fiscale al 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, mentre resta al 50% la detrazione per la sostituzione degli infissi. Diversamente, per gli interventi delle parti comuni dei condomini o nello stabile condominiale, la detrazione del 65% viene mantenuta attiva fino al 2021.

Sismabonus - confermato fino al 2021, nella misura del 50% (con la possibilità di salire al 70-80 % con riduzione della vulnerabilità sismica).

Greenbonus - per il rinverdimento dei tetti, balconi e altre pertinenze è prorogata la detrazione del 36% fino a dicembre 2019.

Bonus arredi - per l'acquisto di mobili, grandi elettrodomestici (di classe non inferiore ad A+ o A per i forni) e altre apparecchiature con etichetta energetica è prorogata la detrazione del 50% fino a dicembre 2019

 

FONTE: Redazione EcoBioService, Gazzetta Ufficiale

Vedi anche: "Salva Alcoa", ma chi salva i consumatori?

                  Slitta ancora la fine del mercato tutelato

                  Online il portale per le detrazioni fiscali

                  

                 

                 

"Salva Alcoa", ma chi salva i consumatori?

Da anni vengono spillati soldi agli onesti consumatori attraverso le bollette.

 Nel 2010 il Governo finanziò con quaranta miliardi di euro - in vent'anni - i produttori di energia rinnovabile. Ciò avvenne attraverso un decreto che recava misure urgenti per risollevare la situazione in Sicilia e Sardegna, impropriamente chiamato "Salva Alcoa". 

Alcoa è una multinazionale americana che, all'epoca dei fatti, minacciava la chiusura dello stabilimento in Sardegna, perché i costi dell'energia erano troppo alti.

Questo decreto ha lasciato lo spazio a chi avesse solo manifestato l'intenzione di costruire un impianto da fonti rinnovabili di incassare gli incentivi.

Le conseguenze quali sono state? Ancora oggi, vengono scovati impianti che incassano incentivi, senza aver mai prodotto energia! Questo significa solo una cosa: bisogna recuperare i soldi persi. Per ora, gli oneri di sistemi "sospesi" valgono un miliardo.

Vogliamo ricordare che la voce "oneri di sistema" delle bollette vengono destinati agli incentivi delle energie rinnovabili.

Dal momento che ci sono consumatori che non pagano le bollette, la quota "oneri di sistema" sarà scaricata sulle bollette di coloro che le pagano, penalizzando sempre di più i consumatori onesti.

 

FONTE: Redazione EcoBioService, il blog di Edoardo Beltrame

Vedi anche: Slitta ancora la fine del mercato tutelato

                  Online il portale per le detrazioni fiscali

                  10 regole per risparmiare sul riscaldamento

                  Reti inefficienti? paga il consumatore!

                  

                 

                 

EBS NEWSLETTER

Iscriviti per essere aggiornato su novità, incentivi e buone pratiche di efficienza energetica. EcoBioService Smart Solutions per contenere i costi e rilanciare la competitività!
Please wait

CONTATTACI

contatti

 Via Massafra 26/F 
 74015 Martina Franca (TA)

 Tel./Fax: +39 080 5746718
 Mail: info@ecobioservice.it

ECOBIOSERVICE SRL SMART ENERGY SOLUTIONS - P. IVA 02704260732 REA 164299 C.C.I.A. TARANTO