info@ecobioservice.it   +39 080 5746718

iten

Stop al carbone dal 2025: in Italia si può fare!

Secondo il WWF in Italia nel 2025 sarà possibile dire addio all'utilizzo del carbone, fonte energetica tra le più inquinanti
 
In Italia dal 2025 si potrebbe interrompere l'utilizzo di carbone a scopi energetici, è quello che sostiene il WWF e che sarebbe perfettamente in linea con gli accordi di Parigi sul clima del 2015. Questa intenzione è stata manifestata dal ministero dello sviluppo economico che, in vista della prossima definizione della nuova Strategia Energetica Nazionale (SEN), ha fatto intendere la volontà di eliminare l'utilizzo del carbone nel 2025 a fronte di un maggior sfruttamento del gas, per poi dal 2030 aumentare fortemente l'utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili. Il WWF auspica però che si proceda al più presto con provvedimenti attuativi subito dopo il varo della Strategia, in modo da avviare immediatamente il percorso verso l'obiettivo di stop al carbone.
L'addio al carbone per l'Italia potrebbe inoltre essere fattibile poiché l'energia elettrica prodotta da questa fonte è pari solamente al 12-16% del fabbisogno energetico; tuttavia è importante eliminare l'utilizzo del carbone poiché è responsabile del 40% delle emissioni del settore elettrico. L'obiettivo dello stop al carbone dal 2025 sarebbe quindi una decisione esemplare anche per paesi europei come la Germania e la Polonia, ancora molto dipendenti energeticamente dal carbone. Altri paesi invece hanno già fissato i loro obiettivi per l'addio al carbone: Francia, Portogallo, Finlandia, Svezia e Danimarca hanno dichiarato il loro stop al carbone per il 2025, mentre il Belgio ha eliminato questa fonte energetica già dal 2016!
 
Fonte: AS solar
          WWF
 

Londra: presto la città più verde d'Europa

Le politiche green della capitale inglese e il sostegno dell'innovazione tecnologica potranno rendere la Londra del futuro un grande quartiere verde. 

Non è una novità che Londra si stia muovendo sempre più verso un'architettura verde e sostenibile. Già il precedente sindaco della città, infatti, Boris Johnson, si era impegnato per l'approvazione del progetto "100 Pocket Parks" durante il suo mandato, un progetto per la realizzazione di 100 nuovi parchi diffusi e sparsi in 26 quartieri della città. Un'attenzione al verde urbano che prosegue con la nuova direzione della capitale inglese da parte del sindaco eletto lo scorso maggio 2016, Sadiq Khan, il quale ha l'ambizioso obiettivo di trasformare Londra il una città ricoperta di verde, ovvero una "National Park City". Il primo "mattone" per l'attuazione di questo progetto risiede proprio nell'utilizzo diffuso di "Green Blocks". Si tratta di un mattone completamente riciclabile e forato all'interno del quale crescono piante e fiori, sviluppato dallo studio di architettura WAGT. Il vantaggio più grande del Green Block è quello di essere un blocco modulare e poter essere usato, quindi, nei più disparati luoghi della città: facciate delle costruzioni cittadine, dei ristoranti e caffè, persino transenne per delimitare cantieri o corsie preferenziali per piste ciclabili o le pensiline degli autobus. Tutto ciò con un doppio vantaggio: quello di abbellire la città, sostituendone il grigio urbano con il verde naturale, e quello di purificare l'ara grazie all'azione di assorbimento di CO2 che la vegetazione naturalmente possiede.  Una opportunità, quindi, estremamente vantaggiosa, che al momento, purtroppo, è appunto solamente un'opportunità, dato che al momento il Green Block è ancora in fase di prototipo. Ma WATG assicura che i mattoncini verdi saranno presto in commercio, al più entro la fine del 2018. 
 
Fonte: Green.it
 

Installazioni FER in Italia: nel 2017 crescita del 23% rispetto al 2016

I primi 9 mesi del 2017 hanno visto una forte crescita di istallazioni di fotovoltaico, eolico ed idroelettrico pari al 23% rispetto al 2016. Con il contributo delle bioenergie si superano i 700MW istallati!

Dall’inizio del 2017 fino a settembre i nuovi impianti ad energie rinnovabile istallati su territorio italiano raggiungono i 688 MW, potenza aumentata di ben il 23% rispetto al corrispettivo periodo dello scorso anno. Gli impianti fotovoltaici, per il 48% di tipo residenziale, raggiungono da soli una potenza istallata di 323 MW, seguiti dalle istallazioni eoliche che raggiungono i 313 MW con un elevatissimo aumento rispetto al 2016, pari al 36%. Il 97% della potenza istallata è localizzata nel Sud Italia, dove sono molto diffusi impianti di piccola potenza, dai 200 kW in su. In particolare, un notevole impianto eolico è stato istallato in provincia di Benevento, per una potenza complessiva di ben 27 MW. Crescono le connessioni anche degli impianti idroelettrici, la nuova potenza istallata pari a 52 MW è maggiore del 16% rispetto a quella del 2016. I nuovi impianti a bioenergie, che comprendono i sistemi a biomasse, biogas, bioliquidi e rifiuti solidi urbani (RSU), sono complessivamente 108, per una potenza istallata di 25 MW. Anche per questa fonte energetica, prevalgono gli impianti di piccola potenza, minore o uguale a 250 kW. Osservando i dati relativi ai trimestri del 2017 si può notare che nel periodo aprile-giugno c’è stato un boom di istallazioni che hanno raggiunto i 408 MW, grazie anche al notevole impianto fotovoltaico nel grid parity nel Lazio da 63 MW. Da luglio a settembre invece, come anche nei primi tre mesi dell’anno, sono stati istallati circa 140 MW. Le speranze per i prossimi mesi sono comunque positive, vista la crescita complessiva del 23% rispetto alle istallazioni dell’anno passato. Contribuisci anche tu con un impianto a fonti rinnovabili per casa tua, e aiuterai l’ambiente risparmiando sulla bolletta! Rivolgiti a EcoBioService!

Fonte: Casa e clima

Vedi anche: Impianti a fonti rinnovabili

Islanda: nasce il primo impianto a emissioni di CO2 negative

È stato di recente messo in funzione in Islanda un impianto a energia geotermica da record: oltre a produrre energia pulita, aiuta a diminuire le emissioni di CO2 in atmosfera

I cambiamenti climatici, come ormai noto a tutti, stanno causando grandi danni ambientali per l’ecosistema e per la salute umana. Maggiore responsabile di questo fenomeno sono le elevatissime emissioni in atmosfera di CO2 che rilasciamo ogni anno, 40 trilioni di kg. Recentemente infatti, i leader mondiali in occasioni come la COP21 di Parigi hanno preso impegni per ridurre le emissioni globali di CO2, con lo scopo di moderare gli effetti devastanti del global warming. È quindi di cruciale importanza limitare le emissioni di CO2 ed ancora meglio sarebbe ridurne la presenza in atmosfera, fenomeno che da poco in Islanda è stato reso possibile grazie ad un impianto innovativo “negative emission”. L’impianto geotermico di Hellisheidi infatti si è inserito nel progetto europeo CarbFix2, finanziato nell’ambito dei fondi di ricerca Horizon2020, che si occupa di studiare e sviluppare sistemi innovativi per la cattura e lo stoccaggio della CO2. L’impianto di Hellisheidi infatti, oltre a produrre energia elettrica dalla fonte rinnovabile geotermica, è dotato del dispositivo DAC (Direct Air Capture) che aspira l’aria e trattiene la CO2 presente grazie ad un particolare filtro. I filtri, una volta saturi di CO2, vengono scaldati dal calore residuo della centrale geotermica per liberare la CO2 catturata; quest’ultima viene mescolata con acqua ed iniettata nel sottosuolo per lo stoccaggio. La miscela di acqua ed anidride carbonica viene iniettato a circa 700 m di profondità, in corrispondenza di strati di roccia basaltica; raggiunta la suddetta profondità, la CO2 è soggetta ad una reazione chimica che ne permette la trasformazione e quindi lo stoccaggio sotto forma di minerali carbonati. Di recente è stato infatti scoperto che la reazione di trasformazione della CO2 in minerali ha una durata di appena due anni, il che rende il processo di stoccaggio estremamente vantaggioso e senza problemi di dispersione dei gas in atmosfera. Questo processo innovativo ed eco-friendly è purtroppo ancora costoso ma, con l’avanzamento della ricerca e della tecnologia, la diminuzione dei costi è vicina e la diffusione del processo potrà quindi prendere piede, seguendo l’esempio della centrale islandese. La propagazione della tecnologia “negative emissions” potrà quindi contribuire al raggiungimento degli obiettivi del progetto CarbFix2, l’eliminazione dell’1% delle emissioni globali di CO2 entro il 2025.

Fonte: Green.it

Vedi anche: Impianti a fonti rinnovabili

È pugliese la prima auto elettrica italiana!

Un altro esempio virtuoso proveniente dal sud e dalla Puglia!

Si chiama Tua la prima auto elettrica interamente costruita in Italia, presentata in occasione della scorsa Fiera del Levante e nata in Puglia, a Bari. E' stata progettata, infatti, dalla Tua Industries, azienda industriale con sede a Modugno, ed è capace di viaggiare per 200 km una volta ricaricata, con un peso leggero di 600 kg e una scocca interamente in alluminio. Non è ancora sul mercato, ma si prevede la sua commercializzazione a partire dalla seconda metà del 2018. Ma Tua non è solo un esempio virtuoso di sostenibilità ambientale ed energetica, ma anche un bellissimo caso di imprese che vincono la crisi economica e che supportano il lavoro italiano. La Tua Industries, infatti, nasce dall'impresa Om Carrelli di Modugno, che fino a qualche anno fa produceva carrelli industriali e che dopo la crisi economica aveva deciso di chiudere lo stabilimento e trasferirsi ad Amburgo, decisione che un gruppo di dipendenti non ha voluto accettare e a cui si è imposto fortemente. Grazie alla loro determinazione e agli sforzi delle cariche pubbliche, come il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, allora sindaco di Bari, è stato avviato un processo di reindustrializzazione dello stabilimento che nel 2015 è stato affidato al gruppo statunitense Lcv Tua Autoworks. Un'auto del genere potrebbe portare ad enormi vantaggi dal punto di vista ambientale, primo fra tutti l'abbattimento delle polveri sottili all'interno delle città. Ora, bisogna però rimboccarsi le maniche per poter presentare al mercato questo orgoglio nazionale e pugliese al più presto!
 
Fonte: Green.it
 

EBS NEWSLETTER

Iscriviti per essere aggiornato su novità, incentivi e buone pratiche di efficienza energetica. EcoBioService Smart Solutions per contenere i costi e rilanciare la competitività!
Please wait

CONTATTACI

contatti

 Via Massafra 26/F 
 74015 Martina Franca (TA)

 Tel./Fax: +39 080 5746718
 Mail: info@ecobioservice.it

ECOBIOSERVICE SRL SMART ENERGY SOLUTIONS - P. IVA 02704260732 REA 164299 C.C.I.A. TARANTO