info@ecobioservice.it   +39 080 5746718

iten

EcoBonus e Detrazioni Fiscali 2018!

Con il nuovo anno scattano alcune importanti novità per quanto riguarda gli ecobonus. Le agevolazioni fiscali variano in base alla tipologia di intervento e del grado di efficientamento energetico conseguito. EcoBioService è al tuo fianco per preparare la documentazione necessaria.
 
La Legge di Bilancio ha prorogato per tutto il 2018 i bonus previsti per la riqualificazione energetica delle abitazioni introducendo al contempo delle variazioni che mirano ad agevolare gli interventi ampliando la platea dei potenziali beneficiari. In pratica i nuovi ecobonus presentano una serie di benefici fiscali proporzionali che premiano l’efficienza energetica e le migliori prestazioni in termini di riduzione delle emissioni. 
Innanzitutto, a differenza degli anni precedenti in cui tutti i lavori di efficientamento energetico beneficiavano di una detrazione fiscale del 65%, le nuove norme stabiliscono percentuali differenti in ragione delle varie tipologie di intervento.
  • Ecobonus al 65%. È previsto per l’installazione di caldaie a gas a condensazione tecnologicamente più avanzate cioè di classe energetica A  e con sistemi di termoregolazione evoluti (cioè le valvole dei termosifoni). Lo stesso incentivo è riservato anche per gli apparecchi ibridi per il riscaldamento, costituiti da una pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, purché si tratti di apparecchi assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti per funzionare in abbinamento tra di loro. Una detrazione fiscale del 65% è prevista anche per la  posa in opera di micro-cogeneratori, ovvero sistemi caratterizzati da un unico dispositivo, in grado di produrre energia elettrica e calore per un impianto di piccola taglia. In questo caso, tuttavia, l’incentivo è limitato ad un importo massimo della detrazione di 100.000 euro, purché sia assicurato un risparmio energetico di almeno il 20%. Infine rimangono inclusi, tra gli incentivi al 65% i lavori di riqualificazione energetica degli edifici esistenti. In pratica si tratta di tutti quegli interventi di isolamento termico dell’edificio confermati negli anni nonché l’istallazione di impianti solari;
  • Ecobonus al 50%. Tra gli incentivi confermati anche quelli per l'installazione di finestre comprensive di infissi e di schermature solari oppure gli interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili. Tuttavia in questi casi la detrazione è scesa al 50%. Anche l’acquisto di caldaie a condensazione con efficienza pari alla classe A ma prive di sistemi di termoregolazione evolutipossono godere del bonus al 50%. Nessun ecobonus, in base alla nuova normativa, è invece previsto nel caso di dispositivi meno performanti (quelli di classe B).
Occorre ricordare che l’agevolazione fiscale prevista dagli ecobonus permette di ottenere uno sconto Irpef in percentuale sulla spesa sostenuta, nell’anno d’imposta, dal contribuente.Tra l’altro possono usufruire delle agevolazioni fiscali anche i familiari conviventi del contribuente che detiene o possiede l’abitazione, nel caso in cui abbiano sostenuto le spese per gli interventi di riqualificazione.
Il contribuente per richiedere le detrazioni dove presentare la documentazione necessaria all’ENEAentro 90 giorni dalla fine dei lavori. Inoltre, è importante sottolineare, che tutte le spese sostenute devono essere debitamente documentate. A tal fine è necessario conservare le fatture, ricevute fiscali, e le ricevute di pagamento da esibire in caso di controlli dell’autorità finanziaria. 
 
Fonte: SOSTARIFFE
 
Vedi anche:   Privati

Costituito il fondo nazionale per l’efficienza energetica

28 Dicembre 2017  - Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda e il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, con il concerto del Ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, hanno firmato il decreto di costituzione del Fondo nazionale per l’efficienza energetica.

Il provvedimento, previsto dal decreto legislativo 102/2014, favorisce il finanziamento di interventi di efficienza energetica realizzati dalle imprese e dalla Pubblica Amministrazione su edifici, impianti di teleriscaldamento e processi produttivi. Il Fondo, che sarà gestito da Invitalia, ha natura rotativa e offrirà garanzie e finanziamenti a tasso agevolato promuovendo il coinvolgimento di istituti finanziari e investitori privati, sulla base di un’adeguata condivisione dei rischi.

Per l’avvio della fase operativa, si potrà contare su 150 milioni di euro già resi disponibili dal Ministero dello Sviluppo economico, che destinerà anche un ulteriore introito annuale di circa 35 milioni di euro nel triennio 2018-2020. Il Fondo sarà, inoltre, alimentato con le risorse messe a disposizione dal Ministero dell’Ambiente.

Questo ulteriore strumento si inserisce tra le misure per l’efficienza energetica che il Paese ha adottato allo scopo di conseguire gli obiettivi di risparmio energetico indicati nella Strategia Energetica Nazionale. Il Fondo, a seguito dell’entrata in vigore della Legge di stabilità 2018, sarà ampliato con una specifica sezione dedicata all’ecoprestito, a sostegno e potenziamento anche dell’efficacia dell’ecobonus.

Il provvedimento dovrà ora passare al controllo preventivo della Corte dei Conti prima di essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Il meccanismo sarà operativo entro 60 giorni dall’entrata in vigore con la pubblicazione delle regole applicative per la presentazione delle domande.

Fonte: sviluppoeconomico.gov.it

Vedi anche: Sistema di Gestione dell'Energia

                   Diagnosi Energetiche

 

Riutilizzo dell’acqua piovana: Puglia in prima linea

Nuova iniziativa regionale in Puglia per il recupero ed il riciclo della risorsa idrica: la realizzazione di reti pluviali per sfruttare le acque piovane e ridurre i problemi di allagamento nei centri abitati

La scorsa estate, durante i periodi di siccità, la Puglia aveva scampato il problema dell’emergenza idrica grazie ad abbondanti riserve d’acqua. Il presidente della regione Michele Emiliano però aveva inoltre auspicato una strategia contro la siccità, con lo scopo di chiudere il ciclo dell’acqua evitando quindi l’impoverimento del suolo. Ora invece, nei mesi autunnali il fenomeno si ribalta, con i nubifragi che diventano la nuova problematica. La siccità e la troppa abbondanza d’acqua hanno come soluzione comune la gestione razionale delle acque pluviali, punto chiave della nuova iniziativa della Regione Puglia. Il piano, elaborato insieme ad AQP, la società che gestisce l’acquedotto pugliese, prevede lo stanziamento di 30 milioni di euro per realizzare nuove reti pluviali con lo scopo di eliminare le dispersioni sulla rete idrica e riutilizzare le acque reflue. I destinatari delle acque recuperate sono non solo il settore agricolo, ma anche quello industriale e civile, ha specificato l’Assessore ai Lavori Pubblici Anna Maria Curcuruto; l’obiettivo è quindi quello di arginare il problema degli allagamento dei centri abitati ed allo stesso tempo recuperare e riutilizzare l’abbondante risorsa idrica proveniente da fenomeni meteorologici intensi. La Regione Puglia ha infatti pubblicato un Avviso Pubblico rivolto ad amministrazioni comunali per “Interventi relativi alla realizzazione di sistemi per la gestione delle acque pluviali nei centri abitati”. Già dal 2014 la Puglia ha manifestato l’intenzione di avviare il riciclo idrico, introducendo per i nuovi edifici l’obbligo di reimpiegare le acque piovane. Lo scopo del provvedimento è quindi quello di riutilizzare le acque reflue disponibili, preservando allo stesso tempo le risorse idriche del territorio regionale. 

Fonte: Rinnovabili.it

Vedi anche: Sistema di Gestione dell'Energia

Google: ora alimentata al 100% da rinnovabili!

I fabbisogni elettrici del colosso dei motori di ricerca sono da adesso coperti esclusivamente da fonti rinnovabili
 
Lo scorso 30 novembre Google ha annunciato tramite le piattaforme social di aver aggiunto circa 500 MW da fonte rinnovabile alla lista dei suoi fornitori di energia. In questo modo si sono quindi raggiunti i 3GW complessivi di energia da fonte rinnovabile, che corrisponde proprio alla totalità dei fabbisogni dell'azienda. Dopo l'annuncio fatto dalla Lego poco tempo fa infatti, Google si era ripromessa di prendere esempio e porsi come obiettivo entro la fine del 2017 l'alimentazione totalmente da fonti rinnovabili; lo scopo è stato raggiunto infatti pochi giorni fa con un mese circa di anticipo sulla scadenza imposta. Gli ultimi accordi di acquisto di energia pulita da parte dell'azienda sono stati presi con grandi parchi eolici presenti negli Stati dell'Iowa, Oklahoma e South Dakota. Alla luce di questi ultimi aggiornamenti, Google si posiziona al primo posto tra gli acquirenti aziendali di energia pulita al mondo; in seconda posizione troviamo Amazon, con l'acquisto di 1,5 GW di potenza elettrica. D'altronde Google si è sempre distinta per il suo interesse verso le fonti di energia pulita, dimostrando di avere a cuore la questione delle rinnovabili sin dal 2007; con il calo dei prezzi dell'energia da fonte solare ed eolica poi, si sono ulteriormente accelerati gli investimenti nelle fonti sostenibili e quindi la trasformazione di Google in un' azienda 100% Green! 
 
 
 

Riscalda spendendo meno

Hai necessità di riqualificare il tuo edificio aumentandone la prestazione energetica?  Vuoi realizzare interventi finalizzati alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili?

Il DM 16.02.2016, o cosiddetto “Conto Termico 2.0”, potenziato e semplificato rispetto alla precedente versione, ti permette di ridurre i costi dei consumi e di recuperare in tempi brevi parte della spesa sostenuta.

Tieniti forte, EcoBioService può aiutarti!

Il nostro team, composto da professionisti ed esperti in gestione dell’energia (EGE), può guidarti nel tortuoso mondo degli incentivi. Offriamo infatti ai nostri clienti consulenze in tema di progettazione degli interventi, e ci occupiamo di tutta la fase istruttoria. Inoltre ti diamo anche la possibilità, a fronte di un cospicuo sconto sull’intervento da realizzare con notevole riduzione del costo da sostenere, di cedere l’incentivo a Ecobioservice!

Cosa aspetti???

Il Conto Termico 2.0 ti permette di alleggerire la tua bolletta, è un’opportunità che non puoi lasciarti sfuggire!

Inizia subito a risparmiare! Scopri come inserendo i tuoi dati e affidati a EcoBioService!

EBS NEWSLETTER

Iscriviti per essere aggiornato su novità, incentivi e buone pratiche di efficienza energetica. EcoBioService Smart Solutions per contenere i costi e rilanciare la competitività!
Please wait

CONTATTACI

contatti

 Via Massafra 26/F 
 74015 Martina Franca (TA)

 Tel./Fax: +39 080 5746718
 Mail: info@ecobioservice.it

ECOBIOSERVICE SRL SMART ENERGY SOLUTIONS - P. IVA 02704260732 REA 164299 C.C.I.A. TARANTO