info@ecobioservice.it   +39 080 5746718

iten

Decreto rinnovabili: le ultime modifiche

Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) ha inviato al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare lo schema definitivo del Decreto ministeriale di incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili per il parere di concerto.

A seguito del confronto avvenuto con le Associazioni il giorno 25 settembre 2018, il MiSE ha recepito molte delle osservazioni presentate. Sulla base di queste, sono state apportate una serie di modifiche allo schema iniziale del Decreto.

In particolare, è stato previsto:

- un aumento del 10% della tariffa incentivante prevista per impianti mini idroelettrici e mini eolici;

- l'inserimento di un'ulteriore procedura di asta e registro nel 2021 (aumentando l'arco temporale di vigenza del decreto e, quindi, aumentando la certezza per gli operatori)

- l'assegnazione del premio sul totale dell'energia prodotta dagli impianti fotovoltaici - realizzati in sostituzione di coperture in amianto - in luogo della sola energia immessa in rete;

- la priorità per impianti realizzati su discariche chiuse e ripristinate, su aree per le quali è stata rilasciata certificazione di avvenuta bonifica;

- l'inserimento di un criterio di salvaguardia tecnologica, a seguito di condizioni particolarmente sfavorevoli per una fonte in competizione con altre all'interno dello stesso contingente;

- la possibilità di utilizzare componenti rigenerati - a meno di riduzione della tariffa incentivante - per impianti idroelettrici ed eolici;

- la richiesta di cauzioni a garanzia della realizzazione dei progetti iscritti al registro, in misura adeguatamente inferiore alle cauzioni previste per le aste.
 
Il prossimo step è l'approvazione dalla Conferenza Regioni.
 

FONTE: Redazione EcoBioService, ilMessaggero.it

Vedi anche: Fondo nazionale per l'efficienza energetica: a garanzia lo Stato

                  Luce e gas: confronto tariffe più facile

                  Puglia: prima "Smart Region" di Italia

                  

 

                  

                 

                 

Fondo nazionale per l'efficienza energetica: a garanzia lo Stato

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 233 del 6 ottobre 2018 è stato pubblicato il decreto 6 settembre 2018 del Ministero dell'economia e delle finanze, recante "Disciplina della garanzia dello Stato sugli interventi garantiti dal Fondo nazionale per l'efficienza energetica"

Sul portale di Invitalia non è ancora possibile inoltrare domanda per accedere al fondo.

Nel frattempo, a norma dell'art. 15, comma 7, del decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102, è stato stabilito che gli interventi di garanzia del Fondo sono assistiti dalla garanzia dello Stato, quale ultima istanza.

Vogliamo ricordare che il bando permetterà a Imprese, ESCo o Pubbliche Amministrazioni di accedere a garanzie di singole operazioni di finanziamento o di ottenere un finanziamento a tasso agevolato per interventi finalizzati al miglioramento dell'efficienza energetica.

Nel caso di tutte le imprese, gli interventi interessati sono i processi e servizi, l'installazione/potenziamento delle reti o impianti di teleriscaldamento.

Nel caso di ESCo o Pubbliche Amministrazioni gli interventi interessati dal Fondo sono i servizi e/o infrastrutture pubbliche, compresa la pubblica illuminazione; gli edifici residenziali e quelli di proprietà delle Pubbliche Amministrazioni.

  

FONTE: Redazione EcoBioService, Gazzetta Ufficiale

Vedi anche: Luce e gas: confronto tariffe più facile

                  Puglia: prima "Smart Region" di Italia

                  Addio alle lampadine alogene

 

                  

                 

                 

Luce e gas: confronto tariffe più facile

Sul portale dell'Autorità per l'energia sono state inserite anche le offerte del mercato tutelato e quelle del mercato libero. Per ora, sono visualizzabili quelle dei gestori che hanno aderito; entro fine anno ci saranno tutti.

 L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha dedicato sul proprio sito una sezione ("Portale Offerte") dedicata ai consumatori.

Fino a poco tempo fa, questa sezione ospitava solo i contratti standard definiti dall'Autorità, ma al prezzo stabilito dall'operatore. Oggi, invece, si possono trovare anche offerte del mercato tutelato e quelle del mercato libero.

Nella giungla del mercato dell'energia, sarà possibile confrontare circa "duemila proposte tra energia elettrica e gas", scrive Arera.

Il modo migliore per sfruttare questo utilissimo strumento è quello di conoscere il proprio consumo annuo. In questo modo è possibile personalizzare l'offerta ed ottenere effettivamente un risparmio in bolletta.

 

FONTE: Redazione EcoBioService, ARERA, Repubblica.it

Vedi anche: Puglia: prima "Smart Region" di Italia

                  Addio alle lampadine alogene

                  EBS al fianco del Comune di Alberobello per la Pubblica Illuminazione!

                 

                 

Puglia: prima “Smart Region” di Italia

Una rete intelligente (Puglia Active Network) percorrerà tutta la regione, integrando l’energia da fonte rinnovabile generata dai numerosi impianti già esistenti.

In risposta al bando europeo NER 300, e-distribuzione ha predisposto un progetto da 170 milioni di euro. Il progetto PAN (Puglia Active Network) ha una durata di 9 + 1 anni (2014-2024) e i seguenti obiettivi: potenziamento della rete elettrica; sviluppo su scala regionale di una infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici; monitoraggio dei consumi energetici.

La rete elettrica sarà gestita in maniera innovativa, permettendo una quantità di immissione di energia rinnovabile sempre maggiore e migliorando la qualità e la sicurezza del servizio.

Per quanto riguarda la mobilità, saranno previsti presso i Comuni, le tangenziali e lungo le vie di percorrenza veloce circa 70 colonnine di ricarica elettrica, interoperabili e multivendor (in grado di accettare clienti con contratti di qualunque fornitore di energia elettrica). Inoltre, è prevista l’installazione di 2 diverse tipologie di infrastruttura di ricarica:

- Pole Station: 2 ricariche in contemporanea e ricarica in 2 ore circa;

- Multifast recharge: 3 ricariche in contemporanea e ricarica in 20/30 minuti circa;

Inoltre, per i Clienti pugliesi, nell’ambito dell’iniziativa Smart info+ per PAN verranno distribuiti gratuitamente circa 10.000 dispositivi di contabilizzazione dell’energia elettrica. Per inoltrare la richiesta, basta inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

FONTE: Redazione EcoBioService, e-distribuzione

Vedi anche: Addio alle lampadine alogene

                  EcoBioService si aggiudica la gara per la redazione di 9 APE per il Comune di Torino

                  EBS al fianco del Comune di Alberobello per la Pubblica Illuminazione!

                 

                 

Addio alle lampadine alogene

Da settembre 2018 non saranno più in vendita le lampadine alogene.

Terminate le scorte nei negozi, non sarà più possibile acquistare lampadine alogene.

Questo è uno degli interventi voluto dall'Unione Europea per aumentare il risparmio energetico.

Così come successo per le lampadine a incandescenza, quelle alogene verranno completamente soppiantate da quelle a tecnologia LED, molto più efficienti.

I vantaggi saranno sopratutto per i consumatori: se pur con un costo iniziale leggermente più alto, le lampade a LED consumano meno e durano molto di più.

 

 

 FONTE: Redazione EcoBioService, Consumatori.it

 

Vedi anche: Socializzazione delle bollette non pagate

                  La giungla del mercato libero si avvicina!

                  Costituito il fondo nazionale per l'efficienza energetica

 

                 

EBS NEWSLETTER

Iscriviti per essere aggiornato su novità, incentivi e buone pratiche di efficienza energetica. EcoBioService Smart Solutions per contenere i costi e rilanciare la competitività!
Please wait

CONTATTACI

contatti

 Via Massafra 26/F 
 74015 Martina Franca (TA)

 Tel./Fax: +39 080 5746718
 Mail: info@ecobioservice.it

ECOBIOSERVICE SRL SMART ENERGY SOLUTIONS - P. IVA 02704260732 REA 164299 C.C.I.A. TARANTO