info@ecobioservice.it   +39 080 5746718

iten

Efficienza energetica negli edifici: incentivi possibili

 I consumi energetici e le emissioni di CO2 nell’edilizia restano alti: nuove forme di incentivazione privata per gli interventi di riqualificazione degli edifici!

 Gli sforzi attuati fino ad ora dall’Unione Europea per promuovere l’efficienza energetica degli edifici sono stati tanti, basti pensare alle diverse direttive europee incentrate su questo tema quali la direttiva 2010/31/Ue e la 2012/27/Ue. Ma nonostante ciò, le emissioni di CO2 in atmosfera a causa del settore dell’edilizia a livello europeo ammontano al 36% del totale, corrispondenti al 40% dei consumi energetici. Di questi, il 29% delle emissioni è imputabile ad abitazioni ed uffici. Valori non perfettamente positivi, ma sicuramente migliorabili se si continua ad investire in efficienza energetica in edilizia residenziale, commerciale e pubblica e nella sensibilizzazione degli utenti. L’obiettivo è di riqualificare entro 30 anni tutti gli edifici pubblici e privati, arrivando ad edifici ad energia quasi zero (NZEB), ovvero il 3% all’anno. Le ultime notizie dall’Unione Europea, in realtà, sembrano andare in controtendenza rispetto a questa necessità. Il consiglio Ue, infatti, ha da poco proposto una serie di modifiche alle succitate direttive, tutte purtroppo tendenti alla riduzione dei vincoli imposti in termini di scadenze, obblighi annuali di risparmi energetici, obbligatorietà degli interventi, detrazioni su energie rinnovabili. Tali proposte devono ancora essere discusse in parlamento europeo, ma già lasciano intravedere una sorta di ritrattazione da parte dell’UE negli sforzi per incentivare efficienza e risparmio energetico. Ma le soluzioni alternative alle forme di incentivazione Ue non mancano. È stato da poco presentato, infatti, un piano di azione per i mutui per l’efficienza energetica (EeMAP-Energy efficient Mortgages Action Plan), volto a studiare una strategia per forme di investimenti agevolati nell’efficienza energetica con capitali privati. Tale progetto è un’iniziativa di un insieme di istituzioni finanziarie, universitarie, politiche e imprenditoriali a livello europeo. Il concetto è quello di progettare un mutuo con condizioni finanziarie più favorevoli per l’efficienza energetica che spinga i proprietari di edifici ad investire proprio sul miglioramento dell’efficienza degli edifici stessi. Le condizioni favorevoli di mutuo sono possibili grazie all’effetto proprio dell’efficienza energetica di mitigazione del rischio per le banche e all’accresciuto valore della proprietà. Le finalità di questo progetto sono proprio, infatti, la promozione dell’efficienza energetica, la crescita di posti di lavoro e il miglioramento della stabilità finanziaria, in modo da far entrare anche le banche nel mercato energetico, sopperendo alla mancanza di fondi da parte dell’Unione Europea. Tutto ciò ovviamente, ha un risvolto quanto più positivo per l’utente finale, che vedrà un sostanziale risparmio economico derivante dalla maggiore efficienza dell’edificio del quale è proprietario, e per tutto l’ecosistema terrestre, che vedrà una riduzione delle emissioni di gas serra evitando un eccessivo riscaldamento globale.

Fonte: Italtherm, QualEnergia.it

Vedi anche: Privati

 

EBS NEWSLETTER

Iscriviti per essere aggiornato su novità, incentivi e buone pratiche di efficienza energetica. EcoBioService Smart Solutions per contenere i costi e rilanciare la competitività!
Please wait

CONTATTACI

contatti

 Via Massafra 26/F 
 74015 Martina Franca (TA)

 Tel./Fax: +39 080 5746718
 Mail: info@ecobioservice.it

ECOBIOSERVICE SRL SMART ENERGY SOLUTIONS - P. IVA 02704260732 REA 164299 C.C.I.A. TARANTO