info@ecobioservice.it   +39 080 5746718

iten

Al via le Comunità Energetiche: Firmato il Decreto

Previste una tariffa pari a 100 €/MWh per le configurazioni di autoconsumo collettivo e una pari a 110 €/MWh per le comunità energetiche rinnovabili. Il decreto è stato inviato alla Corte dei Conti per la registrazione.

 

 

 

Nella conferenza stampa tenutasi ieri in Senato, il Ministro Patuanelli - insieme al Senatore Girotto, il Senatore Perilli e al Deputato Crippa - ha presentato il decreto previsto dall'ormai famoso articolo 42-bis del Milleproroghe (Dl 162/2019), che ha dato il via alle comunità energetiche e all'autoconsumo collettivo.

L'articolo in questione prevedeva anche l'emanazione di un decreto per l'incentivazione di queste due nuove forme di consumo e produzione di energia da fonte rinnovabile. Tale decreto è stato ora firmato dal Ministro dello Sviluppo ecomonico e inviato alla Corte dei Conti per la registrazione.

Secondo quanto riferito in conferenza stampa, per accedere all'incentivo non ci sarà bisogno di pre-qualifiche, né ci saranno bandi o graduatorie; sarà sufficiente fare richiesta al GSE.

La tariffa per l’energia autoconsumata sarà pari a 100 €/MWh per le configurazioni di autoconsumo collettivo e 110 €/MWh per le comunità energetiche rinnovabili.

Il decreto, inoltre, individua le modalità per l'utilizzo e la valorizzazione dell'energia condivisa incentivata con il Superbonus 110%. Ricordiamo, infatti, che il decreto Rilancio (Dl 34/2020) consente ai condomìni che aderiscono a comunità energetiche o a sistemi di autoconsumo collettivo di accedere al  Superbonus del 110% per impianti fino a 200 kW.

"Ma non ci fermiamo qui - ha detto il Senatore Girotto - questo modello sarà implementato ancora di più e conoscerà nuovi sviluppi con il recepimento della RED II (giugno 2021), la cui legge di delegazione è attualmente in esame al Senato e sulla quale ovviamente stiamo prestando la nostra massima attenzione".

La diffusione sempre più massiccia della produzione di energia da fonti rinnovabili ha determinato nuovi assetti del sistema energetico, non solo dal lato produzione ma anche da quello del consumo.

Ci stiamo avviando verso un sistema che si allontana sempre più dalle fonti fossili, dalla produzione centralizzata e dalla netta distinzione tra chi produce e chi consuma. Il nuovo sistema energetico sarà sempre più caratterizzato da una produzione decentralizzata, fatta di piccoli impianti a fonti rinnovabili distribuiti sul territorio e di consumatori che sono allo stesso tempo produttori, anche definiti prosumer.

Un prosumer può essere il singolo cittadino che ha installato un impianto fotovoltaico sul tetto di casa, alimentata sia dall'energia autoprodotta che da quella prelevata dalla rete. Ma un prosumer può anche consumare l'energia prodotta dall'impianto condominiale, allora parliamo di autoconsumo collettivo; o anche quella di un impianto costruito con il contributo di più persone e qui parliamo di comunità energetiche.

 

FONTE:  Nextville

VEDI ANCHE: Speciale "EcoBonuS 110 con EcoBioService"

                    Superbonus 110%: fotovoltaico e batterie di accumulo, il tetto di spesa raddoppia a 96 mila euro

                    Superbonus 110%: la Guida dell'Agenzia delle Entrate

EBS NEWSLETTER

Iscriviti per essere aggiornato su novità, incentivi e buone pratiche di efficienza energetica. EcoBioService Smart Solutions per contenere i costi e rilanciare la competitività!
Please wait

CONTATTACI

contatti

 Via Massafra 26/F 
 74015 Martina Franca (TA)

 Tel./Fax: +39 080 5746718
 Mail: info@ecobioservice.it

ECOBIOSERVICE SRL SMART ENERGY SOLUTIONS - P. IVA 02704260732 REA 164299 C.C.I.A. TARANTO