info@ecobioservice.it   +39 080 5746718

iten

Colonnine di ricarica per auto elettriche e 110%

Sono agevolabili le spese sostenute dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021, compresi i costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale fino a un massimo di 7 kW

 

 

 

La “richiesta di potenza addizionale fino a un massimo di 7 kW”, indicata dall'art. 16-ter del D.L. 63/2013 e introdotta dall’art. 1, c. 1039 della Legge di Bilancio 2019, relativamente alla detrazione del 50% delle spese effettuate per l’acquisto e la posa in opera di infrastrutture di ricarica per auto elettriche, è da riferire all’ulteriore richiesta di potenza aggiuntiva da parte dell’utente, e quindi si può aggiungere a quella eventualmente già a disposizione.

Il chiarimento è arrivato con la Risposta n. 412 dell’Agenzia delle Entrate, pubblicata il 25 settembre 2020. La normativa prevede la possibilità di portare in detrazione anche “i costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale fino ad un massimo di 7 kW”. Ma questo limite massimo va inteso come assoluto o come potenza aggiuntiva rispetto a quella già a disposizione? E la voce di spesa dev'essere riferita alla potenza richiesta o alla “potenza disponibile” effettiva, considerata la prassi dei fornitori di aggiungere alla "potenza impegnata" (in base al contratto di fornitura sottoscritto) anche un ulteriore 10% (cd. "potenza disponibile")? Sono queste le domande che l’istante ha posto alle Entrate.

Per rispondere, l’Agenzia si richiama alla circolare n. 19/E dell'8 luglio 2020, in cui si precisa che il limite di spesa di 3000 euro è annuale e riferito a ciascun intervento di acquisto e posa in opera delle infrastrutture di ricarica, oltre che a ciascun contribuente: in altre parole, costituisce l'ammontare massimo di spesa ammesso alla detrazione anche nel caso di acquisto e posa in opera di più infrastrutture di ricarica. Inoltre, l'Agenzia ritiene che “la detrazione possa essere calcolata su quanto fatturato dal fornitore di energia, indipendentemente della potenza addizionale del 10% attribuita autonomamente dai fornitori stessi”.

50 o 110%?

Per gli interventi realizzati dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021 la detrazione è possibile nella misura del 50% delle spese sostenute, su un ammontare complessivo non superiore a 3000 euro. L’art. 119, c. 8 del Decreto Rilancio, convertito in legge con la L 77/2020, prevede però per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per l'installazione delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici una detrazione nella misura del 110% – il famoso Superbonus – da ripartire in cinque anni tra gli aventi diritto, sempre che l'installazione sia eseguita congiuntamente ad un intervento di cui al comma 1 del medesimo articolo 119 (un intervento cd. “trainante.”)

FONTE:  https://www.casaeclima.com

VEDI ANCHE: Speciale "EcoBonuS 110 con EcoBioService"

                    Superbonus 110%: fotovoltaico e batterie di accumulo, il tetto di spesa raddoppia a 96 mila euro

                    Superbonus 110%: la Guida dell'Agenzia delle Entrate

EBS NEWSLETTER

Iscriviti per essere aggiornato su novità, incentivi e buone pratiche di efficienza energetica. EcoBioService Smart Solutions per contenere i costi e rilanciare la competitività!
Please wait

CONTATTACI

contatti

 Via Massafra 26/F 
 74015 Martina Franca (TA)

 Tel./Fax: +39 080 5746718
 Mail: info@ecobioservice.it

ECOBIOSERVICE SRL SMART ENERGY SOLUTIONS - P. IVA 02704260732 REA 164299 C.C.I.A. TARANTO